Home News News Dichiarazione annuale MUD 2016

Dichiarazione annuale MUD 2016

E-mail Stampa PDF

La scadenza per l’invio del MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale) sarà il 30 aprile 2016.

Sono interessate le Aziende che producono rifiuti speciali e/o pericolosi, che non vengono smaltiti nel normale cassonetto.

In via generale, sono soggetti alla dichiarazione MUD:

- Produttori di rifiuti pericolosi;

- Produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività di tipo industriale e artigianale con un numero di dipendenti superiore a 10;

- Recuperatori e smaltitori rifiuti.

C’è, poi, obbligo MUD per Comuni, CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi), Gestori Veicoli fuori uso, Produttori AEEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche), Gestori RAEE (rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Ad eccezione di alcuni casi di piccoli produttori di rifiuti che possono ancora utilizzare (in alternativa) il modello cartaceo, per tutte le altre Aziende, l’invio delle dichiarazioni alle Camere di Commercio, deve avvenire in via telematica, attraverso il sito www.mudtelematico.it.

Le ditte che vorranno servirsi del nostro servizio compilazione dichiarazione MUD, potranno contattare, per la Provincia, le Delegazioni di Zona, per la Sede di Reggio, L’Ufficio Assistenza Generale (Sigg.re Simonetta Piazza e Anna Costantini - tel. 0522-708511) e fare pervenire, entro e non oltre il 12.04.2016, i seguenti documenti e dati:

- Registri di carico/scarico rifiuti;

- Formulari di identificazione rifiuti;

- Copia ultima dichiarazione MUD (se non compilata dai ns. uffici);

- N. addetti nell’attività al 31.12.2015.

Tale servizio comporterà la riscossione di un diritto di segreteria.

Raccomandiamo ai ns. Associati di rispettare il termine previsto per la consegna dei documenti, onde permetterci di compilare correttamente le dichiarazioni entro la data di scadenza.

SISTRI
SISTEMA CONTROLLO TRACCIABILITA’ RIFIUTI

Il SISTRI sostituisce i tradizionali adempimenti ambientali, attraverso l’utilizzo di dispositivi elettronici.

In merito alle imprese obbligate all’iscrizione al SISTRI e pagamento del relativo contributo annuale, ricordiamo, tra l’altro, “gli enti e imprese con più di 10 dipendenti, produttori di rifiuti pericolosi”, oltre ai raccoglitori, trasportatori, smaltitori ecc.. di rifiuti pericolosi.

Per quanto riguarda il contributo SISTRI 2016, il versamento dovrà essere effettuato entro il 30.04.2016.

In base alla legge 21/2016, è stato prorogato al 31.12.2016 il periodo transitorio del “doppio binario”, durante il quale rimangono gli obblighi “cartacei” del SISTRI (registri di carico/scarico-formulari-MUD), accanto a quelli informatici; le sanzioni riguardanti l’omessa iscrizione o l’omesso pagamento contributo SISTRI saranno ridotte del 50% fino al 31.12.2016.