Home News CONFCOMMERCIO REGGIO EMILIA Il sistema italiano del dettaglio alimentare di prossimità fa scuola in Francia

Il sistema italiano del dettaglio alimentare di prossimità fa scuola in Francia

E-mail Stampa PDF

La presidente reggiana di Confcommercio, Donatella Prampolini Manzini, è stata ospite nei giorni scorsi, in qualità di Vicepresidente nazionale della Fida - Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione/Confcommercio, di una trasmissione televisiva francese sullo stato della distribuzione alimentare al dettaglio in Italia.

Appena nominata nel Consiglio di Amministrazione di Enasco - Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti, il patronato che tutela i diritti dei lavoratori, in particolare degli autonomi del commercio, del turismo e dei servizi, la Presidente di Confcommercio Reggio Emilia Donatella Prampolini Manzini è partita per la Francia, dove a Perpignan dal 4 al 6 maggio è in corso il Medfel, fiera internazionale della filiera ortofrutticola del Mediterraneo, per partecipare a una trasmissione televisiva sui modelli italiano, francese, spagnolo e portoghese del commercio alimentare di prossimità.

“Da uno studio dell’Insee (l’istituto per la statistica e gli studi economici del Ministero francese dell’economia, dell’industria e del lavoro) –spiega Donatella Prampolini Manzini- emerge che nei paesi dell’Europa mediterranea vi è un maggior numero di esercizi commerciali specializzati nell’alimentare di quanti ve ne siano al nord: 27 punti vendita ogni 10mila abitanti in Spagna e 29 in Portogallo contro i 5 di Regno Unito e Germania, e i 2 della Finlandia. Così anche Spagna e Portogallo, condividendo il protocollo d'intesa già firmato da Italia e Francia in marzo, si uniscono a noi in questo percorso di tutela del commercio di prossimità”.

Commentando la propria elezione nel CdA di Enasco, Donatella Prampolini Manzini ha poi aggiunto: “Consapevole dell’importanza di questo ente collegato a Confommercio, mi metto a disposizione dei nostri Soci e dei nostri uffici sul territorio reggiano per farmi portavoce di tutte le eventuali istanze da inoltrare a Roma”.