Home News CONFCOMMERCIO REGGIO EMILIA Confcommercio preoccupata per la pedonalizzazione di Castelnovo Sotto: “Anche i cittadini la pensano come noi”

Confcommercio preoccupata per la pedonalizzazione di Castelnovo Sotto: “Anche i cittadini la pensano come noi”

E-mail Stampa PDF

Francesco Bigliardi, Direttore della Delegazione Confcommercio di zona, fa il punto della situazione ed esprime tutta la preoccupazione di imprese e cittadini per il progetto di pedonalizzazione del centro di Castelnovo di Sotto.

"Dopo una lunga telefonata -spiega Francesco Bigliardi- abbiamo invitato il Sindaco Simone Montermini a un incontro, lunedì 30 maggio, con gli operatori commerciali di Castelnovo di Sotto, per cercare di capire quali siano le intenzioni dell'Amministrazione Comunale in riferimento alla riqualificazione del centro storico. L'incontro si è reso necessario perchè nove incontri serali, vaghi e approssimativi sull’argomento, sono stati un insuccesso da parte dell’Amministrazione che in alcune serate si è trovata a discutere dell’argomento con una platea di due sole persone (delle quali, sempre, almeno un rappresentante del commercio)".

Prosegue il Direttore Bigliardi: "Antonio Caggiano, presidente di Botteghe della Rocca, associazione che rappresenta 45 operatori locali, mi ha confermato che nessun operatore commerciale, e tanto meno l’associazione di cui egli è presidente, ha manifestato assenso a un progetto di pedonalizzazione presentata in maniera del tutto astratta dall’Amministrazione, ma solo a quello di riqualificazione, estremamente necessaria, vista l’attuale situazione urbana. In diversi incontri ai quali egli ha partecipato personalmente, o in altri dove ha delegato consiglieri dell'associazione, l'Amministrazione ha cercato di prendere tempo fornendo informazioni vaghe di quello che si vuole fare del centro di Castelnovo. Riferisce di essere stato fermato in alcuni suoi interventi dagli amministratori i quali hanno sempre rimandato la discussione all’ipotetica costituzione di un tavolo al quale avrebbero dovuto partecipare anche le associazioni di categoria e i cittadini, per una partecipazione democratica alla costruzione di idee per l'area da riqualificare. Continua a prevalere, invece, la vecchia politica di paese, dove si cerca di imporre idee già sviluppate in sordina".

"Sono molti i cittadini che si rivolgono ai commercianti -aggiunge il Direttore Confcommercio di zona- manifestando solidarietà e chiedendo di impedire la pedonalizzazione di Piazza Prampolini".

"Il Sindaco e gli assessori, che rappresentano tutti i cittadini e gli imprenditori di Castelnovo di Sotto -conclude Francesco Bigliardi- devono prendere atto che l'idea da loro progettata, se ha come punto di partenza la pedonalizzazione di Piazza Prampolini, sarebbe un fallimento per la comunità: abbiano il buon senso di capire le esigenze del paese, che con una manovra sbagliata, quale la chiusura della Piazza, rischia di morire".

"Per quanto riguarda il progetto di videosorveglianza richiamato dal Sindaco Montermini -aggiunge infine il Direttore- mi permetto di ribadire che i commercianti sanno perfettamente che l’idea è buona ma, come al solito, qualcosa che dev’essere garantito dalle istituzioni, in questo caso la sicurezza, dev’essere pagato dai privati, anche se poi, improvvisamente, si trovano 400mila euro per pedonalizzare il centro urbano e altri soldi ancora per l’acquisto di un’area per realizzare un parcheggio alternativo a quello di Piazza Prampolini. Il servizio di videosorveglianza non è utile solo ai commercianti ma anche ai cittadini e soprattutto alle autorità di pubblica sicurezza".