Home News CONFCOMMERCIO REGGIO EMILIA Confcommercio: aggiornamento sulla situazione nei comuni reggiani maggiormente colpiti dal terremoto

Confcommercio: aggiornamento sulla situazione nei comuni reggiani maggiormente colpiti dal terremoto

E-mail Stampa PDF

A Reggiolo situazione ancora difficile; a Guastalla si lavora per far riprendere le attività chiuse – Punto di ascolto a Reggiolo lunedì pomeriggio – Sospesi i mercati ambulanti della zona - Gli aiuti

Reggiolo e Guastalla

«Stiamo proseguendo le verifiche sul posto –dice Anna Simonazzi, responsabile della Delegazione Confcommercio di Guastalla- e la situazione è purtroppo più grave di quella descritta all’indomani dell’evento. Oltre ai danni strutturali, le attività commerciali e di servizio registrano significative perdite di prodotto. Ancora non è possibile sapere quando l’area sarà nuovamente accessibile in quanto vanno portate a termine le opportune verifiche nelle abitazioni e nei negozi.»

«Stiamo cercando di individuare delle modalità –continua Anna Simonazzi- per consentire alle attività inaccessibili di ricominciare al più presto a lavorare, eventualmente realizzando una struttura separata in area sicura. Ricordiamo di documentare con fotografie i danni alle strutture e alle merci, per poter meglio ricostruirne l’entità.»

«Anche a Guastalla –prosegue la responsabile della Delegazione Confcommercio di zona- ci stiamo adoperando insieme alle autorità per far riaprire il prima possibile i locali chiusi perché in aree pericolose. È in atto un primo contatto che riguarda altri locali del centro storico inutilizzati o sfitti, al fine di ricollocarvi temporaneamente le attività chiuse. Qualora questa soluzione non fosse sufficiente, in subordine si potrebbe pensare a una tensostruttura.»

Punto di ascolto lunedì pomeriggio a Reggiolo

Lunedì pomeriggio alle ore 15.30, presente la presidente provinciale Donatella Prampolini Manzini, presso il recapito di Confcommercio in Via Dante Freddi 20, vi sarà un primo incontro di coordinamento per fare il punto della situazione coi commercianti e la Pubblica Amministrazione, al quale tutti gli esercenti sono invitati a presentare le problematiche più urgenti.

Mercati ambulanti

Tutti i mercati ambulanti di Reggiolo, Luzzara, Guastalla e Gualtieri sono al momento sospesi. «Abbiamo preso contatto con le varie Amministrazioni Comunali –riferisce Anna Simonazzi di Confcommercio- per individuare delle aree idonee per sicurezza e dimensione dove sviluppare i mercati settimanali. Sono già in corso i contatti coi proprietari per la disponibilità delle aree e stiamo valutando le piantine per la verifica dei posteggi. Non appena ci sarà il via libera per la sicurezza dai centri operativi, ne daremo comunicazione. Occorre anche attivarsi sulle Pubbliche Amministrazioni delle provincie limitrofe perché aprano la spunta degli ambulanti con priorità a quelli provenienti dalle zone colpite.»

Gli aiuti

«In regione –spiega Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio Reggio Emilia- è stato costituito un coordinamento Confcommercio a cui devono far riferimento tutte le iniziative dell’Associazione sul territorio. È inutile e dannoso, infatti, moltiplicare le formule di aiuto: occorre contribuire e sostenere quelle già attivate.»

«La Confcommercio nazionale –prosegue Donatella Prampolini- ha già stanziato dei fondi per le province colpite dal terremoto. È stato anche istituito un conto corrente delle Organizzazioni Sindacali regionali sul quale si può devolvere un’ora di lavoro dei lavoratori del commercio a favore delle vittime del terremoto. Anche l’Ente bilaterale regionale sta mettendo in piedi una iniziativa analoga.»

È stata istituita anche una “Borsa della solidarietà per scambio merce” che consente ai negozi di approvvigionarsi di merce nei magazzini dove viene raccolta la merce invenduta dei negozi chiusi a causa del terremoto.