Home News CONFCOMMERCIO REGGIO EMILIA Richiamo di Rete Imprese Italia alla politica: "Adesso tocca a voi!"

Richiamo di Rete Imprese Italia alla politica: "Adesso tocca a voi!"

E-mail Stampa PDF

Il prossimo 9 maggio Rete Imprese Italia presenterà, in occasione dell'Assemblea 2013, il Manifesto "Adesso tocca a voi!". Un appello al Governo, al Parlamento e alla politica ad agire immediatamente con misure concrete a sostegno della crescita e dell'economia reale aperto alla sottoscrizione degli amministratori e degli imprenditori su tutto il territorio nazionale.

Il protrarsi della recessione sta riducendo allo stremo le imprese del terziario di mercato, dell'artigianato e l'impresa diffusa che vivono sulla propria pelle il peso insostenibile dell'eccessiva pressione fiscale, del crollo dei consumi senza precedenti, del difficile e costoso accesso al credito, dell'annosa questione della riscossione dei crediti vantati nei confronti della Pubblica amministrazione. Proseguendo nella linea di forte denuncia della drammaticità della situazione per le Piccole e medie imprese, culminata nella Giornata di Mobilitazione del 28 gennaio scorso, il prossimo 9 maggio Rete Imprese Italia - l’associazione che riunisce le rappresentanze di CNA, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti - presenterà a Roma, nell'ambito dell'Assemblea 2013, il Manifesto "Adesso tocca a voi!". L'appello al Governo, al Parlamento e alla politica ad agire immediatamente con misure concrete a sostegno della crescita e dell'economia reale è aperto alla sottoscrizione degli amministratori e degli imprenditori su tutto il territorio nazionale.

«Proprio per questo -spiega Tristano Mussini, presidente di CNA Reggio Emilia- abbiamo chiesto al ministro Delrio di apporre la sua firma su questo documento, e possa dare così un segno concreto di vicinanza al territorio, alle imprese e a quella che è, ne siamo convinti, la vera grande priorità del nostro Paese».

«La crisi –aggiunge Ivo Biagini, vicepresidente Confartigianato imprese Modena e Reggio Emilia– sta cancellando la parte più vitale del nostro sistema produttivo. Nel 2013, 26,6 miliardi in meno di Pil, 22,8 miliardi in meno di consumi, 249 mila chiusure delle attività commerciali e dell'artigianato. La ripresa diventa un miraggio, gli imprenditori hanno perso la pazienza e stanno perdendo la speranza».

«Ma il destino non è segnato», continua Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio – Imprese per l’Italia Reggio Emilia: «Le imprese dell'artigianato, del terziario di mercato e l'impresa diffusa, che nel nostro Paese producono il 58% del Pil e danno lavoro al 62% degli occupati, non ci stanno. Reagire alla crisi si deve e si può».

«Le nostre imprese –conclude Dario Domenichini, presidente di Confesercenti Reggio Emilia– hanno fatto tutto il possibile: adesso, come sottolinea con forza il manifesto di Rete Imprese Italia rivolgendosi alla politica, tocca a voi!».