Home News News «Contro il crimine investire in nuove tecnologie e nel rinnovamento dei sistemi di sicurezza»

«Contro il crimine investire in nuove tecnologie e nel rinnovamento dei sistemi di sicurezza»

E-mail Stampa PDF

«La rapina dell’altro giorno al Ghiardo di Bibbiano deve farci continuare a riflettere per trovare soluzioni efficaci nel difendere i cittadini e le imprese dalla criminalità» spiega Francesco Bigliardi, responsabile della Delegazione Confcommercio – Imprese per l’Italia di Montecchio. «I sistemi di sicurezza sociali –continua Francesco Bigliardi- sono inadeguati ai tempi, soprattutto nelle periferie.»

«E' assolutamente necessario –precisa Francesco Bigliardi- che le amministrazioni comunali e i presidi di pubblica sicurezza investano in nuove tecnologie, in modo da permettere un coordinamento migliore e una prevenzione degli atti criminali. Occorre investire in rilevatori di targhe, banda larga e wi fi, e coinvolgere un numero sempre maggiore di attività commerciali particolarmente a rischio, quali tabaccherie, oreficerie, supermarket, e tutte quelle attività dove il denaro contante è ancora il mezzo di pagamento più usato, perché aderiscano a progetti di rinnovamento della sicurezza.»

«Oramai –commenta amaramente la presidente provinciale di Confcommercio Donatella Prampolini Manzini- assistiamo a rapine in pieno giorno per soli 200 euro: non c’è più nemmeno il timore delle conseguenze alle quali va incontro chi commette un crimine».