Home News News "Pronto, ci sono": un servizio di supporto psicologico per i titolari di pubblici esercizi in difficoltà

"Pronto, ci sono": un servizio di supporto psicologico per i titolari di pubblici esercizi in difficoltà

E-mail Stampa PDF

Il Covid-19 ci ha portati in una condizione di emergenza sanitaria, sociale ed economica senza precedenti. Nel nostro Paese i Pubblici esercizi, costretti forzatamente a chiudere per mesi, risultano tra le categorie più colpite da questa emergenza. In questa critica congiuntura economica e psicologica FIPE, la federazione formata dai pubblici esercizi iscritti a Confcommercio, ha attivato un servizio telefonico di counseling psicologico che possa supportare gli associati mettendo la persona nella condizione di essere ascoltata, di elaborare le difficoltà e di valorizzare le proprie risorse.

L’obiettivo del numero verde è quello di fornire supporto agli imprenditori in difficoltà in un momento di possibile disagio psicologico profondo, suggerendo concrete modalità adattive e diminuendo lo stato di allarme psicologico collegato alle difficoltà lavorative. Il supporto telefonico avrà la funzione di mettere la Persona nella condizione di valutare possibili soluzioni alternative, dando informazioni sulla gestione del disagio psicologico e sui servizi messi a disposizione da FIPE-Confcommercio. Grazie all’ascolto offerto dal numero verde si potranno intercettare situazioni a rischio e stimolare negli imprenditori in difficoltà una nuova prospettiva con cui guardare sè stessi e il proprio futuro.

La modalità consiste nella possibilità di contattare il numero verde +39 3517671290 attivo 5 giorni alla settimana (lunedì, mercoledì e giovedì dalle 18 alle 21; martedì e venerdì dalle 10 alle 13) al quale si possono rivolgere gli imprenditori in difficoltà e al quale rispondono professionisti Psicologi del Centro Paradoxa.

La salute psicologica si mostra come parte essenziale del più ampio diritto alla salute che come tale va tutelato nella sua globalità e, con questa iniziativa, puntiamo a fare la nostra parte in un contesto particolarmente difficile.